Questo sito utilizza i cookies e le variabili di sessione per migliorare la tua esperienza di navigazione offrendoti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'automatica accettazione. Per ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

La donna lontana

I mille e mille aromi, dalla tua bocca effusi,
Sono profumate nubi, di dolcezza assassine.

E’ un’anfora il mio corpo, fatta di notte oscura,
Che versa la sua essenza in te, folle divina!

I tuoi sguardi si perdono nei dolci sentieri
Per te la Notte e l’Erebo ritornano nel Nulla,
Febe si smorza esangue innanzi a te e si umilia,
E d’Eros sulla testa scende brina di fiori.

In una notte azzurra nel giardino silente,
dove tu stia immaginando nebbiose regioni
Ed il piano dissecchi la canzone dell’Oblio,

La stella del mio bacio ti si poserà in fronte,
L’anima mia sorgiva t’inonderà di rose
e vibrante di suono il piano canterà.

Tutti i diritti delle opere pubblicate in Pensieri e Poesie appartengono agli autori e sono protette eventualmente dai loro diritti. Se si riscontrassero appropriazioni indebite e copie non autorizzate, contattateci che provvederemo all'eliminazione dell'opera.